Covid-19 e vitamina D

28 marzo 2020

Sono molti anni che la Blue Sun pone un'accento fondamentale sui benefici dei raggi solari, naturali o artificiali che siano, e quindi, per conseguenza, della vitamina D. Per questo motivo ci sentiamo in dovere di fornirvi tutte le informazioni e studi in merito, soprattutto nella particolare circostanza del Coronavirus (Covid-19).

Nonostante le innumerevoli informazioni che circolano in rete in questi giorni stiamo verificando che numerosi studi in diverse nazioni colleghino la facilità di diffusione del virus Covid-19 in popolazioni con altissima prevalenza di ipovitaminosi D (carenti di vitamina D), e quindi più soggette ad ammalarsi a causa di un sistema immunitario deficitato.

Sottolineamo il concetto che non si parla di cura del virus, ma di prevenzione nel contagio per ridurre i fattori di rischio.

Vi riportiamo quindi la traduzione di un recente articolo che pone proprio l'attenzione sull'importanza della somministrazione della vitamina D in relazione al Covid-19.

Data di pubblicazione: 09 marzo 2020

di Charles Horton, M.D.

" La ricerca mostra che la vitamina D a volte previene il raffreddore comune. Potrebbe aiutare a scongiurare il nuovo coronavirus?

Il mondo della ricerca ha suscitato una risposta elettrizzante al nuovo coronavirus: tra i protagonisti vi sono sviluppatori di vaccini, ricercatori di farmaci, laboratori di sequenziamento genico e campi della salute pubblica e dell'intelligenza artificiale. All'ombra di questo sforzo c'è un ruolo meno affascinante: quello di controllare gli archivi delle ricerche passate per trovare indizi su come trattare e prevenire meglio COVID-19.

Il Dr. John Umhau richiama quindi la nostra attenzione su un articolo del 2017 in The BMJ (ex British Medical Journal). In esso, un team ha eseguito una meta-analisi, fondamentalmente uno studio di altri studi, esaminando un composto comune e il suo effetto sull'immunità contro le infezioni respiratorie come il comune raffreddore. La meta-analisi non si è concentrata specificamente sui coronavirus (una famiglia di virus che può anche causare raffreddori), ma potrebbe comunque applicarsi. Il "farmaco" in questione? Un composto umile che associamo maggiormente al latte ed alla salute delle ossa: la vitamina D.

La meta-analisi ha combinato 25 studi separati e lo ha fatto nel modo più duro. i ricercatori hanno ottenuto e rianalizzato i dati dei singoli partecipanti per tutti i 25 studi, raccogliendo quasi 11.000 partecipanti in quello che uno dei revisori dei pari di The BMJ ha definito uno sforzo erculeo. Il documento è gratuito per il pubblico, ma lo riassumerò qui: i risultati mostrano che l'assunzione di una dose moderata di vitamina D giornaliera o settimanale (ma non in dosi elevate) aiuta a proteggere gli utenti dalle infezioni respiratorie.

Non sorprende che gli integratori di vitamina D siano stati di grande aiuto per i partecipanti allo studio che hanno iniziato a presentare carenze di vitamina, ma gli integratori possono aiutare anche quelli che non lo sono. Altrettanto importante è che le persone sembravano tollerare bene la vitamina: i principali problemi legati alla supplementazione di vitamina D erano alti livelli di calcio nel sangue (in 1 su 200 partecipanti) e calcoli renali (in 1 su 500).

Inoltre una cifra chiamata "numero necessario da trattare" (NNT) ci aiuta a capire quanto sia efficace un trattamento. Per gli utenti di vitamina D giornalieri o settimanali nella meta-analisi, la NNT complessiva era di 20, indicando un effetto misurabile ma limitato. Traducendo il gergo di ricerca in inglese, questa cifra significa che 1 persona su 20 che assume integratori di vitamina D potrebbe aspettarsi di evitare un raffreddore a causa di ciò. Ma per i partecipanti allo studio con “profonda” carenza di vitamina D, l'NNT era 4: ogni quattro persone che assumevano gli integratori probabilmente schivavano il raffreddore.

Quindi, la grande domanda: " ..come medico, sostengo gli integratori di vitamina D sulla base di questa ricerca? In dosi moderate, sì, specialmente per chi è a rischio di carenza di vitamina D, che, in questo periodo dell'anno, probabilmente è la maggior parte di noi" .

Che cos'è una dose moderata? Come osserva la Mayo Clinic, "La quantità giornaliera raccomandata di vitamina D è di 400 unità internazionali (UI) per i bambini fino a 12 mesi di età, 600 UI per le età da 1 a 70 anni e 800 UI per le persone di età superiore ai 70 anni." Mayo offre anche informazioni utili su potenziali interazioni farmacologiche (che è importante sapere se stai assumendo altri farmaci) e avverte che oltre 4.000 UI al giorno di vitamina D aumentano il rischio di effetti dannosi. Per coloro che vogliono essere certi di assumere abbastanza vitamina D, le analisi del sangue possono verificare se si è raggiunto il livello raccomandato.

Nessuno di questi sostituisce il consueto consiglio: lavati spesso le mani, non toccarti inutilmente il viso ed evita di stare con i malati più del necessario. Ma dato quanto è economica e sicura la vitamina D, consiglierei di aggiungerla agli integratori di questo periodo particolare.

Traduzione a cura di Giulia Di Francesco

Fonti: https://world.wng.org/2020/03/the_vitamin_d_factor?fbclid=IwAR3LUHVX-mibgLFW6v9pNjX4yNtroevqw0NjwDn0H0oA4fLWYaQ2oBzJoh4

counter
Ultime novità
Gli ultimi gioielli arrivati in casa Blue Sun
Prestige Lightvision Spectra Prestige Lightvision Prestige Bluevision Spectra ...
Come abbronzarsi e ringiovanire la pelle
NovitÓ Assoluta Ultimo gioiello in casa Blue Sun: Ergoline Prestige 1600 ...
Blog
Così muore in pochi secondi il Covid-19
L'immunologo Clerici ha scoperto l'arma letale che uccide il virus. Una ...
Deficit da Vitamina D: cinque cose da sapere per riconoscerlo e rimediare prima possibile
La carenza della "Vitamina del sole" Ŕ asintomatica e si manifesta soltanto ...