Epidemia globale del Covid-19: cosa possiamo fare per minimizzare i rischi?

05 maggio 2020

Tutto il mondo soffre impotente davanti all'attuale pandemia del coronavirus. Un vaccino efficace dovrebbe essere disponibile entro 6 mesi. Ma cosa possiamo fare per ridurre i rischi del contagio?

Le precauzioni prese per evitare la diffusione sono simili a quelle usate per ridurre la trasmissione di malattie comuni del raffreddore e dell'influenza, ma è necessaria una quarantena più rigorosa. In questo contesto, sono urgentemente necessarie nuove misure sanitarie che potrebbero ridurre il rischio di infezioni e morte, oltre alle quarantena.

Un articolo recentemente pubblicato su European Journal of Biomedical and Pharmaceutical Sciences si è dedicato a fornire una descrizione generale della situazione attuale e di quali misure, oltre a quelle attualmente in uso, possono essere prese per ridurre al minimo i rischi della pandemia. Tra le varie che sono correlate nello studio c'è l'uso della vitamina D!

I ricercatori segnalano che livelli appropriati di vitamina D sono stati associati all'incidenza e severità ridotti di virus incapsulati, come il coronavirus, o l’ herpes zoster, Epstein-Barr, epatite, ebola, HIV, dengue, morbillo e caxumba oltre influenza e polmonite, dotati di una membrana esterna che li ricopre e li protegge.

" Coloro che sono in difetto di micronutrienti, soprattutto quelli con ipovitaminosi D (carenza di Vitamina D), corrono un rischio maggiore di sviluppare malattie virali, compreso il Covid-19. Pertanto, l'opzione più efficace è quella di prendere dosi più alte di integratori di vitamina D e / o esposizione al sole estivo per portare concentrazioni sieriche di 25 (OH) superiori a 30 ng / ml (preferibilmente sopra 40 ng) per aumentare l'immunità prima dell'esposizione. Questo approccio dovrebbe ridurre il rischio non solo del raffreddore comune, influenza e polmonite associata, riducendo così le morti ma potrebbe anche diminuire il contagio da coronavirus ".

Per quanto riguarda i casi sospetti ritengono che, a causa dell'incapacità di diagnosticare il coronavirus durante il periodo di incubazione di diversi giorni, le persone che si sentono male, con febbre o esposte a una persona infetta possano beneficiare di prendere una dose di vitamina D. Ciò consentirebbe di rafforzare il sistema immunitario e non solo entro 3 giorni dalla somministrazione. Ci si aspetta che questa terapia altamente economica, con un costo non superiore a $ 5 a persona, riduca i rischi di contrarre la malattia e, se c'è già si risulta positivi, per ridurre la gravità e la mortalità e quindi accelerare il recupero

I ricercatori hanno concluso:

" Dal punto di vista della strategia di prevenzione delle malattie, l'approccio più economico sarebbe la somministrazione profilattica di alte dosi di vitamina D (in strutture dedicate come gli ospedali, sotto il controllo di medici specializzati) a tutta la comunità a rischio prima che il Covid-19 appaia in questa località. Questa somministrazione a breve termine di vitamina D è sicura. “

 

Fonti

https://www.ejbps.com/ejbps/abstract_id/6656? fbclid=IwAR3SCP5uTpAN7R5uGWuc4pPvnhU2kWtF8wly82sebc6vCXKdMO9n6YF HgZY

https://storage.googleapis.com/journal-uploads/ejbps/article_issue/ volume_7_march_issue_3/1584436192.pdf

counter
Ultime novità
Gli ultimi gioielli arrivati in casa Blue Sun
Prestige Lightvision Spectra Prestige Lightvision Prestige Bluevision Spectra ...
Come abbronzarsi e ringiovanire la pelle
NovitÓ Assoluta Ultimo gioiello in casa Blue Sun: Ergoline Prestige 1600 ...
Blog
Così muore in pochi secondi il Covid-19
L'immunologo Clerici ha scoperto l'arma letale che uccide il virus. Una ...
Deficit da Vitamina D: cinque cose da sapere per riconoscerlo e rimediare prima possibile
La carenza della "Vitamina del sole" Ŕ asintomatica e si manifesta soltanto ...