La grande querelle: esposizione si, esposizione no

23 marzo 2017

Trattandosi della stessa cosa, luce solare e luce artificiale sono caratterizzate dai medesimi pro e contro, la giusta quantità fa bene, l'eccesso fa male. I costruttori di solarium per ogni modello prodotto sono tenuti a fornire dati molto precisi sull'utilizzo. I centri d'abbronzatura e le estetiste devono combinare queste indicazioni con il tipo di pelle del cliente. Se quanto emerge dalla legge in vigore è correttamente applicato, fare un solarium è come esporsi al sole con un esperto al fianco che consiglia il corretto tempo di esposizione ed il tipo di macchina adatta al fototipo in relazione al grado di abbronzatura per assumere solo i benefici di un bagno di sole.

COME RICONOSCERE UN CENTRO DI ABBRONZATURA PROFESSIONALE.
Il decreto attuativo del luglio 2011 ha definito l'utilizzo e le caratteristiche di tutti i macchinari dei centri d'abbronzatura. Il legislatore ha ritenuto opportuno, oltre che stabilire le caratteristiche tecniche delle macchine, anche definire i modi e i tempi di utilizzo.
Qualche avvertenza riguardante la gestione del cliente:
Prima di essere accompagnati nel solarium il personale qualificato deve verificare una serie di condizioni senza le quali non è possibile sottoporsi alla seduta.

  • Il cliente deve essere registrato e informato di controindicazioni e avvertenze, come ad esempio nel caso di utilizzo di farmaci (antibiotici, cortisone, antinfiammatori) che possono provocare reazioni indesiderate.
  • Verificare la maggiore età.
  • Verificare il tempo trascorso dall'ultima seduta o esposizione al sole.
  • Impostare la durata in funzione della seduta precedente e dal risultato ottenuto, dal colore della pelle.

Queste quattro condizioni, importantissime, sono sicuramente rispettate nei nostri centri grazie ad un software gestionale che ci permette di controllare e personalizzare ogni seduta.
Trattamenti brevi, nell'ordine di 10-12 minuti, sono indicati per persone alla prima esposizione.
Se si entra in un centroabbronzatura già abbronzati, e la durata che propongono è inferiore ai 15 minuti, probabilmente le macchine non sono a norma.
Ricordiamo che, secondo le norme nei solarium, non si consiglia l'utilizzo di creme protettive durante la seduta, a meno che non ci siano delle condizioni personali (quali cicatrici, tatuaggi, zone particolarmente sensibili ai raggi) in quanto la giusta dose di raggi UV consigliata non crea alcuna sofferenza cutanea.
Centri estetici che non hanno la possibilità o la volontà di modificare la durata della seduta, non rispettano tali norme.

counter
Ultime novità
Gli ultimi gioielli arrivati in casa Blue Sun
Prestige Lightvision Spectra Prestige Lightvision Prestige Bluevision Spectra ...
Come abbronzarsi e ringiovanire la pelle
NovitÓ Assoluta Ultimo gioiello in casa Blue Sun: Ergoline Prestige 1600 ...
Blog
Deficit da Vitamina D: cinque cose da sapere per riconoscerlo e rimediare prima possibile
La carenza della "Vitamina del sole" Ŕ asintomatica e si manifesta soltanto ...
La Vitamina D 'spegne' il Covid-19
Centinaia di studi mondiali dimostrano come l'uso della vitamina D migliori i ...